VERDE! San Patrizio

VERDE!

L’isola di smeraldo

Oggi è San Patrizio, San Patrizio vuol dire Irlanda e Irlanda vuol dire verde. Non a caso è chiamata “l’isola di smeraldo” per le sue immense distese d’erba e muschio. Chiunque ci sia stato, sa che il verde dei prati in Irlanda è quasi sfacciato!

L’antica bandiera irlandese era verde, con un’arpa d’oro al centro; l’attuale tricolore è entrato in uso all’inizio del Novecento e simboleggia la popolazione cattolica (verde) unita a quella protestante (arancione) da un augurio di pace (bianco).

Uno dei simboli dell’isola inoltre è il trifoglio, legato proprio alla leggenda di San Patrizio. Si dice che lo utilizzasse durante la sua opera di conversione, per spiegare agli irlandesi il concetto di “uno e trino”. Grazie a tutte queste associazioni, oggi irlandesi e appassionati indossano almeno qualcosa di verde. Fino ad arrivare all’usanza ormai consolidata nella città di Chicago, che rende omaggio al patrono dei suoi abitanti di origine irlandese tingendo di verde brillante il fiume che la attraversa.

https://pixabay.com/it/photos/chicago-fiume-del-chicago-1411263/

Una curiosità: tra le decorazioni più comuni per San Patrizio, oltre al trifoglio, ci sono i berretti da leprechaun, i più famosi folletti irlandesi. Oggi sono immancabilmente vestiti di verde ma, fino a tutto il XIX secolo, le loro descrizioni nelle fiabe e nelle leggende li vedevano invece abbigliati di rosso. Probabilmente il cambio di colore è avvenuto dopo che gli emigranti irlandesi hanno esportato la festa di San Patrizio al’estero, soprattutto negli Stati Uniti. Dev’essere stato più semplice sovrapporre il “verde Irlanda” alla festa irlandese, tingendo di verde tutto ciò che la riguardava, folletti compresi!

Photo by Jaime Casap on Unsplash

Green Power!

Perciò, ti va di conoscere meglio, proprio oggi, significati e usi di questo bellissimo colore?

Iniziamo dai suoi messaggi più belli e importanti: speranza, tenacia e armonia. Il verde aiuta a rilassarsi e comunica equilibrio e autoaffermazione. È il colore del mondo vegetale, richiama la sua energia fertile e creativa, la sua capacità di adattamento e la sua forza sicura, concreta e tranquilla. È talmente associato alla natura che basta dire “green” per intendere tutto uno stile di vita ecologico e sostenibile.

Photo by K. Mitch Hodge on Unsplash

Spazi verdi

Nella decorazione degli ambienti, il verde può risultare vivace, riposante o serioso, a seconda delle sfumature: più chiare o più scure, più calde (cioè con una maggiore quantità di giallo) o più fredde (cioè con più blu). In generale, però, è facile che susciti un senso di pace e benessere, e che favorisca la concentrazione. È particolarmente adatto quindi agli spazi dedicati allo studio e al lavoro, alla lettura e al relax.

Si abbina molto bene a materiali naturali come legno e pietra, ma anche al bianco. Diventa allegro accostato a dettagli caldi, come color arancio, giallo e oro; si fa più fresco e romantico assieme al rosa e al viola chiaro.

Photo by Collov Home Design on Unsplash

Chi di verde si veste…

“…Di beltà sua si fida”, recita un vecchio detto. Ma non è mica vero! Il verde giusto non mortifica affatto il colorito; tutto sta a sceglierlo bene. Il verde con un’altra percentuale di giallo, per esempio il verde prato o il lime, sta molto bene alle persone dai colori solari, con pelle chiara e capelli dalle sfumature dorate o ramate. I tipi insomma che l’armocromia indica come Primavera. Il verde più freddo e un po’ grigiastro, come quello della salvia e della giada, è invece adatto alle persone dai colori freschi e soffusi, e dai capelli con sfumature cenere; i cosiddetti tipi Estate. Il verde che tende al marrone, come l’oliva e colori del muschio e del bosco, si sposa bene a chi ha le nuance dell’Autunno: carnagione e capelli dai riflessi caldi, bronzei o decisamente rossi. Infine, il verde puro, il verde pino e lo smeraldo sono in armonia con le persone Inverno, che possono avere la pelle da molto chiara a scurissima ma presentano sempre capelli scuri e in generale colori netti.

Lo sapevate?

Gli antichi Greci definivano il mare e il cielo verdi o glauchi, aggettivo che indica la sfumatura grigio-verde degli ulivi. Perché? Perché non avevano una parola che indicasse con esattezza il colore blu!

Photo by Dimitris Kiriakakis on Unsplash
Bene ora ti svelo l’arcano, questo è il secondo guest post di ques’anno ed è stato scritto da Simona Calavetta, sai già di chi parlo se hai letto altri articoli del mio post. Lei è una illustratrice e consulente colore, mi ha ispirato il post sui Gioielli delle Suffragette e ha fatto la mia consulenza di armocromia.
Visto che oggi è San Patrizio, ed il verde è uno dei colori preferiti da chi mi segue ho pensato di far parlare una esperta di questo colore. Nel suo blog troverete tanti articoli non solo sul verde (che è anche il suo colore preferito) ma su tutti i colori, vi suggerisco di seguirla sui suoi canali Facebook ed Instagram.

 

Foto di copertina by Patrick Fore on Unsplash

MAKE ME SHINE – Un compleanno con la maga dei colori Simona Calavetta

Eccomi qui, altro giro altra corsa, nuovo mese di MAKE ME SHINE e nuovo compleanno.

Come sai queste due cose a marzo spesso combaciano, e se l’anno scorso ho risposto a tutte le vostre domande (se te lo sei perso vai qui) quest’anno mi sono fatta un regalo che però servisse anche a presentarti una persona speciale.

Quando fai merenda da una consulente colore!

Niente intervista con domanda e risposta, oggi andremo sul pratico. Per questo un paio di settimane fa ho fatto una cosa fighissima, una consulenza di Armocromia con Simona Calavetta.

L’armoromia è la teoria del colore applicata alla bellezza, cioè trovare le giuste sfumature di colore adatte ad ognuna di noi, ed è una cosa un po’ più complicata della commessa che ti dice, lei è bionda le sta bene il verde (se guardi il video vedrai cosa è successo a me). Continue reading “MAKE ME SHINE – Un compleanno con la maga dei colori Simona Calavetta”