M’Arimbarza la collana da battaglia per donne moderne

Collane da battaglia, lo so il titolo sembra un po’ forte, ma mente preparavo le collane di questa collezione ho pensato che ogni giorno noi ci tuffiamo la fuori e siamo un po’ delle guerriere.

Affrontiamo la vita, ok, il lavoro i giudizi degli altri e purtroppo anche i nostri.

Vorrei soffermarmi sul giudizio! Continue reading “M’Arimbarza la collana da battaglia per donne moderne”

FREE TO BE UNIQUE e la storia delle collane perfette

Continuando nell’odissea della creazione della nuova collezione oggi vorrei parlarti di Free to be unique. Questa collana in particolare, riporta il motto di Conny’s Kreations, il primo.

Molti anni fa, quando ho iniziato ad usarlo, mi identificava come creatrice di prodotti diversi da quelli che si trovavano in giro. A quel tempo pensavo che non tutti fossero ancora pronti ad indossare le mie creazioni. Ci voleva un po’ di indipendenza mentale dalle tendenze della moda e dalle consuetudini sociali per farlo.

I miei gioielli, molto colorati, estrosi, appariscenti e fatti a mano, erano ben lontani dalla marea di acciaio che girava ed andava tanto di moda all’epoca.

Quindi FREE TO BE UNIQUE, in quel momento, rappresentava l’unicità di chi andava contro corrente e sceglieva un gioiello diverso da tutti gli altri. Tra l’altro all’inizio realizzavo unicamente pezzi unici, quindi c’erano episodi di colpo di fulmine tra chi acquistava ed il gioiello che sceglieva.

Forse ora che hai letto questa premessa ti sarai già fatta un’idea del significato che io do a questa frase, ma voglio precisare che, col passare del tempo, e soprattutto ultimamente, non è solo l’unicità ad aver avuto una grande rilevanza, ma anche la libertà.

Infatti avvicinandomi a vari argomenti legati al mondo femminile, alla body positivity, alla equità ho capito che la libertà non è una cosa per nulla scontata.

Non siamo liberi di pettinarci come vogliamo (io non tingo i capelli e non ti dico quante pensone si sentoni in diritto di dirmi di farlo), di usare un certo abbigliamento che ci piace (io vesto molto colorato e, come ti ho raccontato anche nel post di GNOCCA INSIDE, questo destabilizza chi usa solo colori neutri o scuri, considerati accettabili e consoni), sono grassa ed ovviamente tutti si sentono incoraggiati dalla società a dirmi di dimagrire (per questo ti rimando alla pagina di Belle di Faccia) e via dicendo.

via GIPHY

Questo tartassamento sulla libertà di essere, non coinvolge solo me, coinvolge tutti, ma finchè non metti un piedino fuori dal cerchio di quello che è permesso e quello che non lo è, non te ne accorgi.

Quindi ecco perchè è nata

FREE TO BE UNIQUE

Cambiando prospettiva, ti devo confessare un peccato. All’inizio queste collane dovevano essere tutte uguali e perfette.

Ci sei? Tutte Uguali e Perfette!!

Parliamo del Tutte Uguali: tutte uguali significava fare un tot di varianti colore, diciamo 8, e poterle ripetere. Cosa significa sul lato pratico? Intanto sapere quali piacciono di più e puntare su quelle. Non dover rifare foto e descrizione ogni volta; faccio la prima collana, ad esempio GNOCCA INSIDE verde e rossa, con il carattere tipografico, e il cordoncino verde e poi ogni volta che termina la rifaccio identica. Ogni volta non devo fare le foto di nuovo, tanto la faccio uguale. Non devo riscrivere la descrizione, colori e carattere sono sempre gli stessi.  Insomma molto meno lavoro sul computer. Ti è chiaro?

Perfette! Partiamo dalla premessa che queste collane ci hanno messo oltre un anno a nascere. Infatti dopo l’idea che mi è venuta di farle avevo incontrato diversi problemi tecnici. Ricorda sempre che questa tecnica (chiamiamola così anche se non è proprio corretto) l’ho fatta io per la prima volta, me la sono inventata insieme a Rosita di Spazio Chirale e quindi era sperimentale. Ma ci ho messo così tanto anche perchè, le prime che avevo fatto erano imperfette.

Avevano dei difetti, non erano tutte della stessa identica misura, i caratteri non venivano bene, la copertura faceva schifo letteralmente, insomma non andavano bene.

Perchè volevo questa perfezione? Perchè per me erano e sono un punto di svolta, nel modo in cui le ho ideate e realizzate, la tecnica, lo stile, e tante altre cose. Insomma erano importanti e volevo che non avessero nulla di sbagliato. (facciamoci una grassa risata insieme ahahahaha)

Questa visione assolutista si era generata da una serie di articoli e interviste, interventi e post che avevo letto e ascoltato sul prodotto. Su come si studia, si corregge, si “sdifetta”! Togliere un difetto da un prodotto non vuol dire rendere quel prodotto perfetto o serializzarlo, semplicemente significa correggere un errore, una cosa che lo rende scomodo o pericoloso o inutilizzabile e via dicendo.

Io però sta cosa non l’avevo capita bene alla prima e questo mi aveva fatta arenare. Tra i mille impegni di lavoro e personali, la collezione era ferma. Intanto provavo nuove idee (si perchè per fortuna quelle ci sono sempre) e facevo nuovi prototipi.

Ma le collane continuavano a rimanermi in testa. Dovevo farle. Quindi circa un paio di mesi fa o poco più, ho ricominciato a fare prototipi. A cercare di capire come togliere i difetti davvero inaccettabili e a ragionare sul design.

Ok c’eravamo quasi, ma continuavo a temporeggiare finchè un giorno mi sono detta

Conny fai queste cavolo di collane, falle e basta. Non devono essere tutte uguali, non devono essere perfette. Devono essere belle, fatte con cura, indossabili, e diverse. Come fai a vendere collane tutte uguali a persone tutte diverse? Ognuna dovrà avere la sua. Ok tutti (o quasi) abbiamo una testa, due gambe e due braccia ma mica siamo dei cloni l’una dell’altra, quindi smettila e fai le collane “come vengono” senza serializzare. Ti farai il mazzo? Certo. Dovrai fare più foto e descrizioni?? Ovvio! Dovrai spiegare tutto ogni volta? Probabilmente anche più volte. Ma farai quello che Conny’s Kreations predica da tanto, farai delle collane per donne FREE TO BE UNIQUE.”

Tutto questo pippone mentale, è durato pochi minuti giuro, ma ovviamente era il frutto di tutti quei mesi di prove, errori, schifezze, prototipi, stanchezza, ari-prove ecc…

 

 

Quindi cosa ho imparato da questa esperienza?

  • Che possiamo puntare a migliorarci, non ad essere perfette (soprattutto perchè la perfezione non esiste)*.
  • Che quando una cosa la vuoi veramente tanto, alla fine davvero riesci a farla (io sono un’abbandonista seriale che si sappia) ad ogni costo.
  • Che dobbiamo e possiamo chiedere aiuto e consigli, ma poi siamo noi quelle che devono fare.
  • Che ad un certo punto, dopo che ti sei raccontata tutte le giustificazioni del monto, ti sei data tutti i consigli dell’universo e hai ponderato tutto, ti devi buttare. Pure se non hai certezze.
  • *Che migliore non significa essere come gli altri ritengono che dovremmo o potremmo essere, ma potrebbe significare essere noi stesse, cioè, probabilmente UNICHE e LIBERE dagli stereotipi e dai condizionamenti culturali e sociali (‘na cosetta dai!)

Insomma io ti auguro di trovare la tua unicità e di riuscire a portarla nel mondo perchè lo renderai un posto migliore e speciale. Non avere paura di questo ma anzi siine fiera.

Ora torno a sistemare le collane nello shop e a progettarne di nuove, ma sei vuoi continuare il discorso e sapere quali sono le prossime idee pazze che sto rimurginando ti invito ad iscriverti alla mia newsletter…che non a caso si chiama “Shine on crazy diamond!”.

 

 

 

La libertà di essere positiva

Di questi tempi c’è la tendenza a voler mettere in risalto solo le cose negative, ottenendo solo il peggio. Invece ho capito da tempo che se si sceglie di cercare il lato positivo della vita, si sta molto meglio. Continue reading “La libertà di essere positiva”

I miei gioielli silenziosi

Cara amica, ormai ti sei abituata ai miei gioielli colorati, allegri, un po’ chiassosi. Spesso controcorrente e innovativi.

Li ho sempre fatti e già ne sto preparando altri che arriveranno a brevissimo e saranno chiacchierini e chiacchierati (se vuoi essere aggiornata su questa novità iscriviti alla newsletter), ma ogni tanto, soprattutto quando arriva l’autunno arrivano i miei gioielli silenziosi. Semplici, lineari, con colori sobri, non chiassosi. Continue reading “I miei gioielli silenziosi”

Le tue collane sono alla tua altezza? Trova quelle su misura per te.

Care amiche torno a parlare di gioielli e di come trovare quelli più adatti a noi. Nel nostro viaggio di approfondimento dei termini tecnici per i gioielli oggi vorrei tornare ad approfondire il discorso sulle collane. Infatti come tutte noi sappiamo ci sono collane e collane.

Oggi vorrei parlare di dimensioni! Vi avevo accennato che gli americani per definire delle collane appariscenti che fanno molta scena (e spesso sono di poca sostanza, nel senso che il valore economico non è commisurato alla grandezza) usavano il termine STATEMENT. Io nel mio shop ne ho diverse, ma anche qui, se andate a sbirciare troverete che ce ne sono di vari tipi.

Ma andiamo per gradi. Ok abbiamo collane grandi, piccole, minimal, basiche, appariscenti o statement e via dicendo. Ora tutte queste collane possono avere lunghezze diverse, ed è importante conoscerle. Continue reading “Le tue collane sono alla tua altezza? Trova quelle su misura per te.”

Quale collana vuoi? Mastica lo slang e trova quella che ti farà splendere di gioia.

Care amiche, come avrete notato ho pensato di inserire nel blog alcuni post molto pratici e, spero, utili. L’idea mi è venuta perchè mi sono resa conto che spesso chi vende on line o è specializzato in un determinato settore tende a dare per scontato che tutti gli altri lo siano quanto lui e parlino la sua stessa lingua.

I primi tempi in cui avevo aperto il negozio su Etsy sono entrata nell’Etsy Italia Team, per trovare aiuto nel mare magnum di Etsy, e all’inizio mi sembrava che tutti parlassero un’altra lingua. Un mese dopo avevo imparato anche io il gergo e a volte mi scopro ad usarlo con clienti che restano li a guardarmi in attesa che passino i sottotitoli o che arrivi qualcuno a salvarli. Insomma il deserto comunicativo!

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=XoMX3J5BnL8] Continue reading “Quale collana vuoi? Mastica lo slang e trova quella che ti farà splendere di gioia.”

Ma che ho fatto tutto sto tempo? Riassunto dei lavori precedenti!

Ragazzi oggi un post molto visivo e poco narrativo, perchè mi sono resa conto che a giudicare dai post, a parte raccontare tante belle storie non ho prodotto niente, invece non è proprio così, è che sono lenta e pigra nel pubblicare le mie opere, quindi cercherò di aggiornare un po’ anche il blog, ma vi ricordo che sul mio negozio Etsy trovate tutto (o quasi) quello che ho prodotto ed è disponibile.
Diciamo che ho lavorato a tre filoni creativi, chiamiamoli così!

  1. Orecchini di tutti i colori, su modelli vecchi e nuovi (questo deve essere ulteriormente ampliato ma c’è quasi tutto)
  2. Gioielli con tessuti (da piccoli scampoli quindi quasi tutti pezzi unici)
  3. Gioielli coi circuiti (per la Maker Faire, in fase di progettazione)

Iniziamo con i primi che offrono tanti spunti colori e idee e grazie speciale ad Artemarcia per tutti questi vetri colorati!

Per il secondo filone, dopo il primo esperimento con il pizzo (di cui vi rimetto la foto) grazie ad una amica, che tra le altre cose cuce, ho ricevuto dei piccoli pezzi di tessuto da cui sono nati dei veri capolavori (modesta io!) e pezzi unici, completamente diversi per stile e genere e da abbinare con tantissimi outfit.


In ultimo i gioielli con i circuiti, per ora ho solo tre collane grandi già fatte, ne avevo fatti molti per Codemotion (metto qualche foto dello stand dove se ne vedono alcuni) ma sono quasi tutti finiti, è rimasto solo un ciondolo e un paio di orecchini e visto che ho presentato il progetto alla Maker Faire Rome 2015 sto lavorando per disegnare e realizzare collane, ciondoli, bracciali, orecchini da esporre durante l’evento.

Bene! Ecco tutto, che in pratica non vuol dire niente, perchè soprattutto il punto 3 è molto lacunoso e quindi. ANSIAAAAA!!!
Beh mo’ v’ho aggiornato e torno a lavorà! Voi seguitemi però!

Ciondolo ROMEO- Gatto – Arancione – Pendant Thomas O’Malley- Cat – Orange

Ciondolo ROMEO- Gatto – Arancione – Pendant Thomas O’Malley- Cat – Orange

OLYMPUS DIGITAL CAMERACon Duchessa è arrivato ovviamente anche Romeo, pendente della linea Gatto.
E’ un po’ smilzo, ma molto simpatico.
E’ arancione ma se lo vuoi in un’altro colore contattami con una convo e sceglieremo insieme.

Il ciondolo ha richiesto circa due ore e mezzo di lavoro ed è realizzato a mano con la tecnica Tiffany.

Articolo: Ciondolo ROMEO
Colore: Arancio
Misure: 6 cm lunghezza (solo il gatto), 3 cm larghezza (compresa la coda), 0.3 cm spessore
Peso: 11 grammi
Materiali: Vetro artistico, rame, stagno occhiello in argento 925
Collier non incluso.

With Duchess has arrived Thomas O’Malley, pendant of the line Cat.
It ‘sa bit thin, but very nice. He’s orange but if you want it in another color please contact me in a convo and we will choose together.

To create this object took about two hours and a half of work. 

Item: Pendant Thomas O’Malley
Colour: Orange 
Size: 6 cm length (only the cat) , 3 cm width (with the tail), 0.3 cm dept
Weight: 11 grams 
Materials: Artistic glass, Copper, tin, eyelet in silver
Neacklace not inclused.

https://www.etsy.com/listing/130783700/ciondolo-romeo-gatto-arancione-tiffany?langid_override=0

 

 

Ciondolo Duchessa- Bianco – Pendant Duchess – White

Ciondolo Duchessa- Bianco – Pendant Duchess – White

OLYMPUS DIGITAL CAMERADuchessa è il secondo pendente della linea Gatto dopo LUMISS.
Lei somiglia alla Duchessa degli Aristogatti ma solo perchè è una piccola, graziosa, gattina beneducata. E’ bianca ma se la vuoi in un’altro colore contattami con una convo e sceglieremo insieme il colore.

Il ciondolo ha richiesto circa due ore e mezzo di lavoro ed è realizzato a mano con la tecnica Tiffany.

Articolo: Ciondolo DUCHESSA
Colore: Bianco
Misure: 6.5 cm lunghezza (solo il gatto), 4.5 cm larghezza (compresa la coda), 0.3 cm spessore
Peso: 17 grammi
Materiali: Vetro artistico, rame, stagno occhiello in argento 925
Collier non incluso.

Duchess it’s the second pendant of the line Cat after LUMISS.
She look like to the Duchess of Aristocats but just because she is a little, nice, well-behaved cat. She’s white but if you want it in another color please contact me in a convo and we will choose together.

To create this object took about two hours and a half of work. 

Item: Pendant DUCHESS
Colour:White 
Size: 6.5 cm length (only the cat) , 4.5 cm width (with the tail), 0.3 cm dept
Weight: 17 grams 
Materials: Artistic glass, Copper, tin, eyelet in silver
Neacklace not inclused.

https://www.etsy.com/listing/130778529/ciondolo-duchessa-gatto-bianco-tiffany?ref=tre-2721809641-8&langid_override=0

 

 

Ciondolo Lumiss – Nero & Bianco – Pendant Lumiss – Black & White

Ciondolo Lumiss – Nero & Bianco – Pendant Lumiss – Black & White

OLYMPUS DIGITAL CAMERANuovo ciondolo a forma di micio. Vetro artistico nero per corpo e muso, bianco per coda e orecchio destro, anello grande anche per cordoncini spessi e catene a maglia grande. Altri materiali: rame, stagno e argento. Disegno originale Conny’s Kreations, lavorazione artigianale Tiffany.

N.B. Unico pezzo con queste striature, naturali del vetro e non disegnate da me.

Disponibile a richiesta in altri colori.

New pendant that look like a cat. Made with artistic glass black used for face and body, white for tail and right ear. Other materials: silver, copper, tin.

Original Design Conny’s Kreations, handicraft workmanship Tiffany.

N.B. Only this item available whit stripes on the glass. They’re not painted by me, but already present on the glass.

Available to order in others colors.